Riparo

In queste ultime settimane sono stata profondamente assorbita dalle questioni scolastiche inerenti il covid: positivi, quarantene, contatti stretti, protocolli. Il guaio è che la situazione non accenna a migliorare specie con le nuove regole entrate in vigore oggi. Regna il caos. Mi turba tutta questa situazione che da cittadino, da genitore e da insegnante mi trovo ad affrontare.

Nel weekend appena trascorso, scandito dalle note di Sanremo, mi sono trovata a riflettere sul fatto che la pandemia e, putroppo non solo quella, ha scavato dentro la mia anima solchi di apprensione, ansia e paura nei confronti di un mondo che è sempre più squilibrato, precario e disincantato.

Questa notte ho fatto un sogno paradigmatico. C’era un grande albero e sopra un ramo una sorta di bozzolo. Io vi entravo dentro e mi sentivo al sicuro.

Sorseggiando il caffè questa mattina , ho realizzato che ciascuno di noi, non importa quanti anni si abbiano, ha bisogno di trovare un riparo, un posto non solo fisico ma anche affettivo, in cui sentirsi protetti, custoditi, al sicuro. Un luogo dove poter crescere e divenire farfalla. Tutti ne abbiamo bisogno, io sento di averne bisogno.

Photo by Pixabay on Pexels.com

2 pensieri su “Riparo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...