L’albero che non conosceva l’autunno

C’era una volta un albero molto giovane. Era nato in una serra, poi era stato trapiantato in un boschetto: qui, per tutta la primavera e l’estate si era trovato benissimo. Ma un mattino accadde una cosa strana: le rondini partirono.
-Perché se ne vanno?- chiese l’albero.
-Non sopportano il freddo- spiegò lo scoiattolo. -Sai com’è sta arrivando l’autunno con le piogge ed il vento, poi giungerà l’inverno e ci sarà gelo dappertutto.-
-Ma come faremo noi che non sappiamo volare?- chiese l’albero.
-Oh io me ne starò al calduccio nella mia casetta e tu andrai in letargo-
-Che cosa vuol dire?-
-Penso sia come dormire- rispose lo scoiattolo e poi se ne andò.
L’albero rimase pensieroso: da quando era nato non era mai andato in letargo. “Chiederò spiegazioni” Pensò tra se “I gatti devono sicuramente saperne qualcosa: non fanno altro che dormire tutto il giorno!” Passava di lì un gatto selvatico e l’albero ne approfittò subito.
-Ehi tu, quando dormi vai per caso in letargo? Come fai?-
-Facile- rispose il gatto. -Giro tre volte su me stesso, mi acciambello e chiudo gli occhi-
“Semplice e rapido” pensò l’alberello. Tentò quindi di girarsi, di acciambellarsi e di chiudere gli occhi…ma non ci riuscì. “Forse esiste un altro sistema, lo chiederò al ghiro” pensò.
-Beh- disse il ghiro tra uno sbadiglio e l’altro -prima devi mangiare tantissimo e diventare grasso, poi ne riparleremo.
L’albero cercò di mangiare il più possibile ma, per qualche misterioso motivo, non ingrassava nemmeno di un etto. “Forse la faccenda del grasso non è molto importante” pensò allora e svegliò il ghiro per chiedergli qualche precisazione.
-Allora che cosa devo fare per andare in letargo?-
-Devi respirare non più di otto volte al minuto- gli rispose pazientemente il ghiro.
-Quando diventerai freddo il tuo cuore dovrà battere molto lentamente…-
Probabilmente questo era un ottimo sistema per il ghiro, ma il povero albero non riusciva a fare cose così difficili. Intanto le giornate si erano fatte più fredde, la pioggia cadeva, il vento soffiava e la nebbia avvolgeva i rami dell’alberello. “Morirò certamente di freddo” pensò l’albero e mentre cercava una soluzione al suo caso disperato, sentì che gli occhi gli si chiudevano. Senza pensarci chiuse istintivamente i piccoli tubi dentro i quali passava la ninfa, il suo sangue e nutrimento, e si addormentò. Le foglie caddero una ad una e l’alberello non se ne accorse neppure.

AUTUNNO_-kdO-U43000721242988WBD-620x413@Corriere-Web-Milano.JPG

Annunci

4 pensieri su “L’albero che non conosceva l’autunno

  1. Quando si è in difficoltà, ci si riempie la testa di paure,non sappiamo come fare (quante volte mi capitato!) e poi…naturalmente le cose si sistemano, senza dolore,magari dopo un sonnellino e poi la bellezza dei “Perchè” mentre si diventa adulti!La bellezza della vita! Buona giornata e grazie della storia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...