Love what matters

Ho passato gli ultimi 18 anni della mia vita ad aspettare.

Ho coperto e nascosto il mio corpo. Mi dicevo che un giorno avrei finalmente permesso agli altri di vedermi; avrei finalmente fatto tutte le cose che sognavo quando sarei stata abbastanza magra, abbastanza felice, abbastanza sicura di me. Quando il mio corpo sarebbe stato come “doveva” essere.

Ho combattuto il mio corpo per tutto il tempo, nella vergogna e nel silenzio.

Quando avevo tre anni, i miei compagni di classe mi chiedevano perché ero tanto più grossa di loro e perché non indossavo il loro stesso grembiule.

Quando avevo sette anni, ho mentito alla signora della dieta Weight Watchers perché volevo a tutti i costi partecipare a un incontro pieno di donne di mezza età che volevano perdere qualche chilo.

Quando avevo nove anni sono andata in un campo estivo per perdere peso e ho fatto la fila per fare la foto del “prima”.

Quando avevo 11 anni il chirurgo mi ha aperto la pancia dicendomi quanto sarei stata felice, finalmente. Sono stata la persona più giovane al mondo a fare un intervento di chirurgia per perdere peso.

Quando avevo 15 anni ho iniziato a tagliarmi. Pensavo di meritarlo.

Quando avevo vent’anni ho perso metà del mio peso corporeo in nove mesi, e misuravo il valore della mia giornata unicamente da quanto cambiavano i numeri sulla mia bilancia rispetto al giorno precedente.

Ma poi ne ho avuto abbastanza di aspettare.

Adesso, a 21 anni, ho comprato il mio primo bikini. Non ne avevo mai avuto uno.

Potete vedere tutti. Strane protuberanze e rotoli di grasso. Pelle in eccesso che penzola. Smagliature, cellulite, cicatrici chirurgiche e inflitte da me stessa. Una strana sporgenza sul mio addome dovuta alla fascia contenitiva.

Voglio imparare ad amare ogni parte di me, non solo quelle che mi hanno detto essere “accettabili”. La verità è che sono sempre stata abbastanza, e lo siete anche voi.

Lesley Miller

Annunci

9 pensieri su “Love what matters

  1. combattere contro il proprio corpo è una battaglia che conosco ma che porta solo alla sconfitta perché in un modo o nell’altro non andrai mai abbastanza bene. la resa diventa l’unica vera strada per la vittoria, gli unici numeri che dovremmo ricordare non sono quelli sulla bilancia o dell’età o delle persone che ci hanno fatto soffrire o delle volte in cui abbiamo fallito, ma i numeri di chi chiama spontaneamente per chiedere come stai e ascolta la risposta, il numero di volte in cui abbiamo fatto un gesto gentile che ha portato a un sorriso, o il numero di volte in cui ci hanno detto “brava”, “grazie”, “a presto”, “rimani”, “chiama”, “aspetta”.

  2. Grazie di questo post, mi commuove e mi sorprende quanto tu sia matura, consapevole… Ti abbraccerei guarda! Ti parla una che senza asciugamano avvolto intorno non si alzava dalla sdraio. La tua forza non l’ho raggiunta nemmeno a 45 anni credo e ammiro queste tue parole.
    GRAZIE

    • Cara Monica, questa lettera è stata scritta da Leslie Miller , una ragazza di 21 anni, britannica che ha deciso di condividere con una forza straordinaria la sua esperienza di vita. Io ho deciso di condividerla perché in parte ciascuno di noi, in alcuni momenti della propria vita, ha desiderato essere qualcun’altro, dimenticandosi di se stesso.

  3. Hai fatto un grande passo che meriti, tutti hanno il diritto di stare bene con il proprio corpo, non è facile a volte, e ci saranno persone che vorranno convincerci del contrario… ma quando ci riusciremo saremo noi più grandi e completi di loro 🙂

    • Cara Penny, questa lettera è stata scritta da Leslie Miller, una ragazza inglese che ha deciso di condividere la propria storia su facebook. Leggendo la sua lettera, mi sono ritrovata in molte cose che ha detto e ho pensato di condividerla perché fa riflettere molto su quanto discusso importante credere in noi stessi ed amarci per ciò che siamo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...