La vita è preziosa

C’era una volta un uomo che viveva in una grande metropoli. Ogni sera si recava allo stesso ristorante e si sedeva al medesimo tavolo. Si sentiva molto solo. Ma un giorno vide sul suo tavolo una bellissima rosa, e fu pervaso da una sensazione di gioia. E ogni giorno tornava, e durante il pasto rimirava quella rosa. A volte era triste, altre felice, altre ancora indifferente o irritato. Ma benché il suo stato d’animo mutasse e il tempo passasse, notò che la rosa era sempre la stessa. Com’era possibile? Non se ne capacitava.

Poi, con tanto riguardo, la toccò – non aveva mai osato farlo, prima – . Ma sentendo quant’erano rigidi i margini delle foglie, si rese conto che la rosa non era viva: era finta. Allora, infuriato, la strappò da quel vaso senz’acqua e la fece a pezzi. Poi pianse e si sentì più solo che mai.

Non non siamo fatti per amare cose immortali. Solo ciò che è insostituibile, unico e mortale può toccare la nostra sensibilità umana più profonda ed esser fonte di speranza e consolazione. Dio divenne amabile solo quando divenne mortale. Egli divenne il nostro Salvatore perché la sua mortalità non fu fatale ma fu l’accesso alla speranza.

Abbiamo visto molti andarsene. Migliaia se ne vanno ogni giorno: grandi personaggi, cari amici e innumerevoli altri, sconosciuti ma parte delle nostre vite. Noi li abbiamo amati proprio perché erano insostituibili, perché erano mortali. Forse, alla luce del commiato di Cristo possiamo iniziare a capire che anche quei giorni possono essere giorni di speranza, che aprono la strada allo Spirito, perché venga, apra le porte sprangate delle nostre paure e ci conduca alla piena libertà e verità. E alla gratitudine. Il protagonista e narratore del romanzo Il mio nome è Asher Lev scopre qualcosa di simile. Sin da piccolo aveva amato disegnare e dipingere.

E disegnai anche il modo in cui mio padre una volta aveva guardato un uccellino che giaceva su un fianco contro il cordolo del marciapiede, vicino a casa nostra. Era Shabbos (la festività ebraica del Sabato) stavamo tornando dalla sinagoga.

– «E’ morto, papà?», avevo sei anni, e mi mancava il coraggio di guardarlo.
– «Sì», lo sentii dire triste e assorto.
– «Perché è morto?»
– «Tutto ciò che vive deve morire».
– «Tutto?».
– «Sì».
– «Anche tu, papà? E la mamma?»
– «Sì».
– «E io?».
– «Sì, disse. E poi soggiunse […]: «Ma possa essere solo al termine di una vita lunga e piena, Asher caro».
Non riuscivo a farmene una ragione. Mi imposi di guardare l’uccellino. Dunque, tutto ciò che vive un giorno sarebbe stato immobile come quella bestiola?
– «Perché?» domandai.
– «E’ così che il Ribbono Shel Olom (Signore dell’Universo) ha creato il Suo mondo, Asher».
– «Perché?».
– «Così la vita sarebbe stata preziosa, Asher. Qualcosa che è tuo per sempre non è mai prezioso».

H. Nouwen

Annunci

Un pensiero su “La vita è preziosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...