Dall’Oriente con furore…

Che avessi la passione per la cucina etnica non è stato mai un mistero ma che riuscissi a tirarci dentro anche mio marito, nessuno poteva aspettarselo. Ebbene, qualche giorno fa, all’improvviso, dopo una serie di tentennamenti e perplessità, sono riuscita a portarlo  in uno dei negozi etnici più forniti di Palermo, dove è possibile trovare un po’ di tutto: patate dolci, peperoncini, riso di vario tipo, noddles e spezie. Pensavo che non appena avesse messo piede nel negozio, avrebbe cominciato a lamentarsi, come al solito, sul tipo di posto, sul cibo, sul perché si trovasse lì di sabato e naturalmente avrebbe cominciato a fare una delle sue battute alla Sheldon Cooper: Ogni sabato io mi sveglio alle sei in punto, metto la vestaglia, mi preparo una ciotola di cereali, aggiungo l’acqua al 2% di grassi, mi siedo a quell’estremità del divano, accendo la televisione e guardo ‘Fisici si nasce’!

Ricordo ancora il suo sguardo smarrito in un negozio gestito da cinesi. Da allora mi ha sempre detto che  ho una predilezione per le minoranze etniche. Questa volta, invece, non solo è entrato nel negozio, ma ha fatto amicizia e ancor di più ha fatto grandi acquisti! Da bravo cervellotico qual’è, ha poi continuato a guardare tutorial per la preparazione degli spaghetti cinesi, delle nuvole di drago e di tutto lo scibile orientale che ha deciso, dopo attenti studi, di acquistare. Adesso sono pentita. Ci manca solo un corso di lingua e cultura cinese e temo che, tra breve ,mi troverò le bacchette al posto delle posate. Secondo voi, ho creato un mostro?

image

Annunci

8 pensieri su “Dall’Oriente con furore…

  1. Sarebbe interessante provare le cucine etniche con gli ingredienti freschi e autoctoni, ma in mancanza va bene il negozio. Il pericolo c’è, compreso quello di usare le elle al posto delle erre. 😀

  2. Io sono già diventato un mostro…. Ho iniziato ad accompagnare mia moglie in palestra a fare Daoyin – Qi gong e in pochi mesi mi sono appassionato. Adesso leggo e studio libri di Alimentazione Cinese, di Medicina Tradizionale Cinese, di Meditazione cinese… e logicamente non mancano almeno due o tre pasti al mese di tutta la famiglia al ristorante ….cinese.

      • Il Daoyin (conosciuto più comunemente in occidente come Qi gong) è una ginnastica che fa parte della Medicina Tradizionale Cinese e che, a grandi linee, si può considerare come la versione cinese dello yoga. E’ composta da esercizi con movimenti molto lenti e armoniosi riuniti in sequenze (chiamate forme) per i vari organi del corpo: c’è la forma per il cuore e la circolazione, quella per tendini e ossa, quella per i reni, etc… etc… Nei documentari a volte capita di vedere i cinesi che fanno daoyin nei parchi prima di andare al lavoro… Di solito ne parlo nel mio blog…
        Molto simile al Daoyin è anche il Thai Chi Chuan che è un po’ più movimentato ed è considerata come un’arte marziale interna (cioè, sempre a grandi linee, una ginnastica che simula un’arte marziale). Sia Daoyin che Thai Chi spesso si accompagnano alla meditazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...